Parrocchia della Consolata - Punta Ala (Gr)

XIII e XIV Stazione

XIII Stazione - Gesù è deposto dalla Croce

 

C. Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo.
T. Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

 

«Venuta la sera, giunse un uomo ricco di Arimatea, chiamato Giuseppe, il quale era diventato anche lui discepolo di Gesù. Egli andò da Pilato e gli chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato ordinò che gli fosse consegnato»   (Mt 27, 57-58).

Il Figlio, compiutosi il disegno del Padre, può ritornare tra le braccia della Madre che lo accoglie con struggente tenerezza. Un corpo esanime che nei segni del sacrificio dimostra la sua sofferta umanità e poi, come tutti noi, viene posto in grembo alla terra.
Non permettere, Gesù, che noi ci si perda in paure o facili illusioni.  Concedici di edificare saldamente la fede nel tuo amore e tendere alla salvezza eterna.

 

Maria, Signora della Pietà, sii Tu l’estrema speranza per chi, sconfortato dalle vicissitudini dell’esistenza, giunge a dire: “…ormai, per me non c’è più nulla da fare…” Accoglilo teneramente tra le tue braccia come facesti con Gesù.
 

XIV Stazione - Gesù è deposto nel Sepolcro


C. Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo.
T. Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

 

«Giuseppe d'Arimatea e Nicodemo presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici. Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino vi era un sepolcro nuovo in cui nessuno era stato ancora deposto. Là deposero Gesù»    (Gv 19, 38-42).

Da mani pietose Gesù viene unto con olii aromatici, avvolto nel sudario e sepolto. Il sacrificio di Cristo ha vinto le tenebre eterne e tutto il male del mondo.
Nella nostra piccolezza, tutti presi dalla vita quotidiana e dal desiderio di adeguarci agli ideali mondani non sappiamo valutare le nostre vicissitudini, la sofferenza fisica e quella morale, il bene donato e da altri guadagnato… ; così, tutto quanto ci accade, perde la sua valenza di essere occasione per la nostra santificazione.

La Tua presenza nel sepolcro ci aiuti a ricordare i nostri cari che hanno lasciato la terra per il cielo.  A loro e a noi tutti concedi la viva speranza della Risurrezione.

 

   
   

 

Webmaster Giovanni Paolo Rabai | Version 1.0 - 2007 | migliore visualizzazione 1024x768 pixel |