Parrocchia della Consolata - Punta Ala (Gr)

IX e X Stazione

IX Stazione - Gesù cade la terza volta

 

C. Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo.
T Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

«Nei giorni della sua vita terrena, Gesù offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito per la sua pietà; pur essendo Figlio imparò tuttavia l’obbedienza dalle cose che patì e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono, essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote alla maniera di Melchisedek»   (Eb 5, 7-10).

 

Gesù si è lasciato umiliare e crocifiggere addossandosi le colpe di tutta l'umanità, senza proferire una parola, senza opporsi.
Quanti ancora soffrono e soffriranno a causa della malvagità e della violenza insita nell'animo dell’uomo!  Padre misericordioso, tu che sei fonte di perdono e di santità, aiutami a capire e vivere quella carità che ha spinto Gesù a immolarsi per me e per tutti.

Dona speranza Signore Gesù a coloro che, sotto il peso del dolore fisico…, ammalati forse di un invincibile male, sono vittime della disperazione e dell’abbandono.

 

 

 

X Stazione - Gesù è spogliato delle vesti


C. Ti adoriamo, Cristo, e ti benediciamo.
T. Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

«I soldati, poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d'un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: "Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca". Così si adempiva la Scrittura: "Si sono divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica hanno gettato la sorte"»   (Gv 19, 23-24).

 

Anche così si compie il disegno divino. Gesù, hai ceduto all’uomo anche le tue vesti, restando nudo ed indifeso. E non è ancora tutto…
Insegnaci Gesù, il modo di saper camminare sulla via della concordia e della pace, senza approfittare delle situazioni, senza spogliare nessuno della propria dignità, delle proprie idee, de propri beni. Anzi, rendici gratuiti nei rapporti con i fratelli.

A Te, spogliato e nudo, chiediamo di associare tutti coloro che per amore alla verità e alla fede sono privati dei loro beni, degli affetti e anche della vita: i martiri.

 

   
   

 

Webmaster Giovanni Paolo Rabai | Version 1.0 - 2007 | migliore visualizzazione 1024x768 pixel |